-|+//

 
 
Lorenzo Commisso [panorami sonori
Stefano Giust [batteria [piatti [oggetti
Alan De Cecco [giradischi design [video

 
Papiers Collés è un progetto artistico nato nel 2004 con l’intento di fare convivere estetiche differenti e cronologicamente distanti nel tempo

Papiers Collés trasforma frammenti di musica classica in composizioni nuove e irriconoscibili, anagrammi musicali che rappresentano un’interessante riflessione sulle potenzialità del suono. Azione (batteria) e staticità (digital sound) si contrappongono nella performance, come anche le culture da cui provengono, musica di improvvisazione contemporanea ed elettronica

Il progetto usa con estrema libertà elementi estetici differenti al fine di mettere in discussione le abitudini concettuali del senso comune, giocando su cosa è reale e cosa non lo è, cercando di sottolineare le varie sfumature e possibilità di riflessione dataci dalla riproducibilità tecnica che caratterizza il nostro fruire artistico contemporaneo

Hanno tenuto performance in gallerie d’arte contemporanea come la Neon/Campobase di Bologna; nelle Università come l’Accademia di Belle Arti di Bologna; in rassegne d’arte come Torture Garden di Villa Buttrio; in musei come Villa Manin Centro d’Arte Contemporanea; in festivals audio-visivi come Lago Film Fest; festivals di musiche sperimentali come Variazioni; in centri sociali

Questo progetto è stato segnalato ed esposto al Premio Nazionale delle Arti Multimediali 2005 del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca / Dipartimento per l’Università, l’alta formazione artistica, musicale e coreutica, e per la ricerca scientifica e tecnologica

 
-|+*//en

 
Papiers Collés is an art project launched in 2004, where different aestetic models distant in time blend with each other

Papiers Collés transform fragments of classical music in new, unrecognizable pieces of music. Musical anagrams which represent interesting reflections on the potential of sound. The active and static nature – drums and digital sound – set agains each other in the performance, just like their original cultures do: contemporary improvisation and electronic music

This project uses diverse aestetic elements in full freedom so as to question the conceptual habits of common sens. It plays with what is real and what is not and tries to underline all the shades and possible reflections that electronic recording allows in contemporary art fruition

The Papiers Collés project was mentioned and exibited at the 2005 National Multimedia Arts Awards supported by the Italian Ministry of Education, Department of University Research in Arts and Science

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

© Creative Commons